Scompigli

Avremmo voglia di un animaletto. Adesso siamo arrivati a mettere da parte le briciole della tovaglia per gli uccellini che, con questi freddi, ci capitano sempre più spesso a zampettare sulla terrazza.  Oggi è arrivato anche un passero che però a me non sembrava un passero perchè era molto più carino e cicciottello di quelli che si vedono nei giardini spelacchiati della città.  E ormai tutti i giorni vediamo pettirossi: imprendibili, veloci e, insieme, tranquilli e confidenti. Forse è uno solo, forse una coppia, non so, non conosco nulla delle abitudini di nessun uccello. Ma pettirossi come quest’anno mai, ovunque vada. E mi fanno inspiegabilmente felice. Scuotiamo la tovaglia sulla terrazza per loro.

Abbiamo in zona anche parecchi mici. Alcuni hanno il pelo molto lungo, da incroci persiani. C’è il rossino, che spesso dorme sulla sella dello scooter e che poco tempo fa era innamorato di una grigina dagli occhi verdi, folta e morbida come lui; c’è il nerino, arruffato e sempre in fuga; c’è un altro grigino a pelo raso, che l’altro ieri si è fidato fino alla soglia della porta finestra ed è pure tornato, con enorme circospezione, dopo la fuga appena mi sono mossa, a mangiucchiare quei miseri resti di prosciutto che ero riuscita a racimolare. Si dividono il territorio di questo piccolo ambiente con altri due o tre, hanno il loro quartier generale da un paio di vicine gattare dalle quali, forse, entrano anche in casa quando piove ma a me, a noi, non danno nessuna confidenza: a volte si mostrano semplicemente seccati per la nostra presenza in giardino, e si allontanano con una certa solennità offesa, altre decisamente spaventati, quando cerchiamo di metter in scena disperati tentativi di seduzione.

Finiremo per portarci un gattino a casa, lo so, anche se, per ora, non ci stiamo mettendo nessun impegno e aspettiamo. Ma la nostalgia per Musetta comincia a farsi sentire.

Un cane. Ci piacerebbe, sì. Siamo pure andati a far visita al canile qui sopra, un pomeriggio di sole grande che illuminava la strada nuova in costa. E’ un canile moderno, con spazi grandi per povere bestie traumatizzate. Sono quasi tutti animali di grossa taglia, di specie “cattive”, abbandonate da gentaglia stolta. Non credo che verranno mai più adottati e il massimo a cui possono aspirare sono le passeggiate nel bosco con i volontari  che si avvicendano coi loro guantoni e i loro pantalonacci. Al solito, la maggior parte sono donne.

Un cane, un cane … No, un cane no: porta scompiglio.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in sensori. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Scompigli

  1. pessima ha detto:

    Tutto crea scompiglio, di ‘sti tempi.

  2. bri ha detto:

    io da quando mi sono sposata ho sempre avuto gatti.
    probabilmente per sopperire alla mancanza di animali in casa che mia madre non voleva.
    l’ultimo è un gatto nero buonissimo.
    di sera mi viene addosso , quando sono sul divano, avvicina il musetto alla mia faccia e poggia una zampina sulla guancia. Ogni tanto tira fuori una linguetta rasposa e mi lecca.
    Da qualche tempo mi sorprendo, però. ad osservare i cani.
    Mi piacciono di taglia media con il pelo lungo e la frangetta sugli occhi.
    Ma resisto. non ho ancora finito con i figli.
    e non finirà mai, presumo.
    Temo l’amore assoluto dei cani.
    ne sarei travolta
    bri

  3. Come è bello però lo scompiglio portato dagli animali! Anche io come Bri ho avvertito per tutta la vita la mancanza di animali in casa imposta dai genitori e ora ho tre furetti (e prima un coniglio). E’ vero, l’amore assoluto dei cani (e dei furetti) è un’insidia per la nostra stabilità, ma è anche questo scompiglio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...