Non ho fatto il militare a Cuneo

Non escludo, perciò, di fare la fine del personaggio di Albanese che ho rivisto jeri (sic) sera nell’ultima puntata della Superstoria.  (A proposito: Guzzanti-Veltroni che rigetta ai “compagni” la mozione Amedeo Nazzari perchè “era perfetto. Ma è morto!” mi ha fatto quasi strozzare dalle risate – chè stavo ancora cenando. Non ho digerito bene, però, dopo). Insomma, rischio di finire anch’io nello studio di un terapeuta demenziale e realisticamente à la page, perchè proprio non mi capacito di come  

1) mi sia possibile finire per dare ragione a uno come Mughini, come mi è successo l’altra sera a Otto e mezzo, quando l’ho visto messo a confronto con tizi che sembrano non avere la minima idea dell’esistenza del capitale simbolico e che pure  sono penne e tastiere fra le più seguite e corteggiate 

2) tanti aspettino il prossimo giro di Le invasioni barbariche, ritenendo che un paio di fibule firmate e due else di spadino da sfilata lavorate a Valenza Po siano avvisaglie visigote e longobarde in cui specchiare compiaciuti la propria falsa immagine di agguerriti trasvalutatori

3) ci si possa dichiarare dalla parte dello scandalo, dello schifo per l’ipocrisia e per l’esistente, dalla parte della tragedia, del dolore e della lotta  e aspirare a scrivere o ad essere scritti in  posti come   questi.

Per cercare di capire avevo messo su dei link sul mio blogroll: le volevo finestre da cui guardare il panorama ma mi sa che o le sbarro o mi metto a cecchinare. Ho gironzolato qui e   per un po’ di pomeriggio, ravanando fra i commenti. Mi sono pure rivolta a Ilvo Diamanti senza cavarne nè chiarezza nè consolazione.  Non mi resta che aggrapparmi alla giostrina e girare girare girare.

Girare girare girare …

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in diagonali, tangenti. Contrassegna il permalink.

14 risposte a Non ho fatto il militare a Cuneo

  1. pessimesempio ha detto:

    Tutto, ma non Mughini, per favore… ti prego.

  2. caracaterina ha detto:

    Sono costernata io pure. Ma se me lo mettono a confronto con un Filippo Facci e una Sara Faillaci, che fare?
    Spegnere la tv, ad esempio. Già. E collegarsi a internet.
    Già.

  3. parergon ha detto:

    …o fare una passeggiata, tu che puoi, fino al mare :)

  4. pessimesempio ha detto:

    Spengere, spengere, spengere: leggere, cucinare, fare l’amore, pensare a qualcosa di bello, mettere su un bel disco (se ancora hai il piatto e il vinile), telefonare a un’amica, mangiarsi una mela,preparare la cartella per domani. E poi andare a letto che è l’ora, tranquilli.

  5. caracaterina ha detto:

    Uhm. ‘Ste cose, per fortuna, si possono fare, si fanno. E va bene. Ma rifugiarsi a fare solo questo, e di questo parlare, un tempo, non si chiamava “riflusso”? E non è proprio così che tutto è cominciato? (beh, cominciato. dilagato, forse, piuttosto)

  6. pessimesempio ha detto:

    Ma oggi è anche una forma di resistenza- forse- all’invadenza delle voci. Che poi leggere, fare l’amore et cetera non significa chiudersi in sè, ma ritrovare gli altri che “la televisiun” ci ha portato via. O no?

  7. manginobrioches ha detto:

    NOn c’è chiarezza ma soprattutto non c’è consolazione. E’ la consolazione, il riflusso. Spengere è una forma di lotta. Rifiutarsi, è una forma di lotta. Scriverlo sul blog, un pochino pure.
    (ps: Axel in un tema sui monaci birmani ha scritto che l’ha colpito, che il potere avesse oscurato i blog, e che la sua mamma ne ha uno, e sicuramente avrebbe scritto dei monaci)

  8. caracaterina ha detto:

    Di per me, tendo a resistere allo spegnimento. Illuminista di necessità, perchè sennò non potremmo avere le ombre. E’ nel chiaroscuro che ci si incontra, mi sembra. E’ nel chiaroscuro che vivono e vivranno tutti gli Axel del mondo: a loro, non a noi, non a chi è già stato, dobbiamo rispondere.

  9. CalMa ha detto:

    ehm, non tira lì una certa buriana?
    http://www.buran.it (il conflitto) è on line.
    ciao

  10. caracaterina ha detto:

    Calma, hai fatto bene ad avvisare qui. C’è bisogno di aria e di vento nella rete (e nel mondo).

  11. Giulia ha detto:

    Non guardare la televisione per piacere, ci fa andare fuori di testa sul serio… Un persona come te ha tante alternative… Giulia

  12. petarda ha detto:

    (avviso: hai sfondato una porta aperta)
    davvero c’è chi aspetta il ritorno delle invasioni barbariche (tra l’altro, bellissimo il punto 2; valenza po:))? cmq la tipa – ma anche il di lei consorte – sono tra i peggio paraculi della seconda repubblica. scafati e senza alcun ritegno, proprio una roba inguardabile. anche perché guardandola vien da pensare: ma allora sono io che non ho capito nulla. è giusto, nel senso che ha una sua etica, dare un colpo al cerchio e uno alla botte, e poi invece non dare colpi ai potenti, solo delle bottarelle tanto per far vedere che sì, tu le domande le fai e ti fai pure rispondere, che diamine; bottarelle che diventano alla fine pacche sulle spalle: marcello dell’utri se deve ritornare dalla bignarda ci ritorna, tanto mica è pericolosa. del resto con dell’utri mica vuoi sempre parlare dei processi, non se ne può più, basta: facciamo vedere dell’utri sotto una luce diversa. un dell’utri mai visto prima. dai.
    a parte che una roba del genere non lo chiamo giornalismo ma semmai omissione di cronaca e non so se rientri o meno tra le prassi sconsigliate dalla deontologia. ma rappresentare un altro dell’utri più che fare un nuovo giornalismo, fresco, leggero, invitante (?) è fare un grande favore a uno come dell’utri.

    invece se uno le domande le fa “è di parte”.

    eh sì: non c’è più l’etica di una volta, ma allora cambino le regole deontologiche. mannò, che dico. anche questo è noioso, ‘na palla, uf.

  13. caracaterina ha detto:

    Non mi stupisco più di nulla (anche se mi indigno inutilmente lo stesso). Per esempio: si potrebbe invitare al tavolone Veronica Lario. E’ per cambiare, no?

  14. petarda ha detto:

    ma un bel “vengo anch’io, no tu no”? uff.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...