L’elenco telefonico di Gorgo

Uff, ci ho messo tutto il pomeriggio (e dire che oggi un po’ di sole volevo proprio azzardarmi a pigliarlo – e dire che avrei voluto cucinare, finalmente, qualcosa di buono, se fossero arrivati quelli che ;))  e non sono che all’inizio.  Ma sono soddisfatta, anche se, appena ho cliccato l’ennesimo e per oggi definitivo invio, mi sono venuti in mente altri nomi da aggiungere. Lo farò domani, o dopo, o quando sarà. La pagina è qui sopra e sarò contenta se qualcuno, passando, mi aiutasse ad aggiornarla.  Non è un database, è l’ elenco webbico  di un luogo abitato solo da donne che scrivono oggi, in italiano, e pubblicano su carta.  Una curiosità mia, che avevo da tempo, e che oggi mi son data il tempo di cominciare a soddisfare.

Gorgo è un luogo pericoloso, ma affascinante.  Ed era pure il nome, oltre che della Medusa, atenaica e generatrice di Pegaso cavallo alato, della maestra di un tiaso di Mitilene, perchè a scrivere, in Grecia, pare che non ci fosse solo la sublime Saffo. 

Se si entra in un gorgo è difficile uscire ma, se ci se la fa, nascono dei bei racconti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in diagonali. Contrassegna il permalink.

16 risposte a L’elenco telefonico di Gorgo

  1. PlacidaSignora ha detto:

    Quelli che non sai come avrebbero voluto essere lì con voi stasera, invece che rintanati qui, nella situazione che sai…:-(
    Ma se cappòno un architetto, testimonierai a mio favore avvalorando la mia “giusta causa”? ;-D

  2. caracaterina ha detto:

    Placida, non testimonio. Ti do una mano a farlo ;))

  3. petarda ha detto:

    ma lina dettori, la famiglia immaginaria, iris edizioni, http://braiandinazareth.splinder.com/, c’è già?

  4. lo stupido ha detto:

    è da quando ho un blog che spero di esserti davanti nella ricerca su google della parola “Stupido”!
    dato che non ci riesco ti odio! come i marciapiedi odiano i piccioni! come i vetri della macchina odiano i moscerini.
    già lo sento, prima o poi cederò alla tentazione, e arriverò addirittura a leggerlo questo tuo stupido blog!

  5. caracaterina ha detto:

    Ul-lalla ùllalla ullallalà, questo è il valzer dell’ullallallà. ;)

  6. Effe ha detto:

    ma per dire, Gaja Cenciarelli, traduttrice e scrittrice?
    http://www.sinestetica.net/
    Però se non mi spieghi a cosa serve, come si fa?
    Che un elenco è esaustivo in sé, son d’accordo, è una forma di lettaratura anch’esso, e ha una sua estetica.
    Però, però, che cosa ti muove, cosa vuoi indagare?
    Confessalo, dunque!

    (e poi, e poi, qualche tempo fa su Herzog avevo iniziato un lungo censimento di blogger pubblicati su carta, c’erano ovvimente anche donne, potrebbe esserti utile. Te lo ricordi, il post? Perché io no, non tanto bene)

  7. caracaterina ha detto:

    Grazie, Effe. Ecco, QUEL post. Anch’io non so più dov’è eppure servirebbe, già.
    Cosa voglio indagare? Se avessi un progetto lo saprei. La curiosità viene prima delle (eventuali) scoperte. Le scoperte, per altro, avvengono per la famosa eterodossia dei fini.
    Per adesso faccio la curiosa, poi, si vedrà. Perchè chiederci “a che pro” anche qui in rete? Siamo dunque proprio alla fine della gratuità?

  8. Effe ha detto:

    non è un “A che pro”, ma un “A che approdo”
    Cioé, la ricerca verso dove, la curiosità verso dove.
    Perché recensire tutto è immane, e le scelte che hai fatte (notare la concordanza mozziana) per scriminare avranno ben avuto una logica.
    Intanto, QUEL post è qui
    http://herzog.splinder.com/1170148252#10758693

  9. caracaterina ha detto:

    Arigrazie, Effe.
    Scelte?
    Effe e Calais: in testa all’elenco, nel paginone che non è questo, ho delineato il discrimine e il senza-ragione-perchè.
    Nun me fate ridi’ che il sole sta calando e, proprio per questo, vado al mar.

  10. calais ha detto:

    (guarda che è solo che non avevo visto -perché era in neretta :)- l’oggi di che scrivono (oggi). Dunque pensavo, che strano, ma perchè si sclude ancora Morante. Ancora perchè mi sorprendeva che non ci sia moltissima più luce sulla sua opera, essendo quattrocentomille volte più luminossa di alcune dei suoi coetanei. Pensavo io, chiaro)

  11. calais ha detto:

    (poi perchè ci sono morti, oggi, pieni di vita)
    :)

  12. untitled io ha detto:

    Vabbè le morte non si possono mettere e punto (è sempre curioso che se invece di dieci regole ne fai una sola ti vengono a dire ma perché non la cambi? eddài calais…)
    Sul pro. Io penso che questo pro stia nel fatto di sorvolare di vedere dall’alto, o da lontano. Io dall’alto ho visto questo: se hai a che fare con un elenco (tipo “scrittori in rete” di wuz), devi scrollare un sacco prima di trovare una donna italiana vivente scrivente. Poi ho visto che le donne italiane viventi scriventi catalogate, al contrario della maggior parte degli uomini ma anche di molte scrittrici straniere, mediamente non le conosce nessuno: in pratica, sembrano ficcate lì a forza per fare numero, una specie di quote rosa, prese per esempio dagli elenchi dei partecipanti a pubbliche conferenze o presentazioni. Un sacco di giornaliste, un sacco di traduttrici, un sacco di studiose e di docenti universitarie, poche donne normali, nel senso poche che nella vita NON si occupino di letteratura e testi altrui.
    Per quanto riguarda poi queste donne “normali” (che si qualificano come “scrittrici” e non si capisce bene cos’altro facciano nella vita, ma in ogni caso non sono studiose traduttrici o accademiche): i siti personali sono un po’ da ragazzina o da massaia, “pieni di calore umano” (oltre che di orrendi azzurroni con le scritte rosse o gialle o fucsia), a differenza dei siti degli uomini.
    Una schiera particolarmente folta mi sembra quella delle donne scrittrici che si occupano di psicologia, psicanalisi, psichiatria – insomma di psiche.
    Poche pagine critiche scritte da altri poi: al massimo sono interviste, generalmente l’intervistatrice è un’altra donna. L’informazione biobibliografica è insomma generalmente autogestita, o gestita “fra donne”.
    Mi turbano infine le fotografie, per esempio i molti sorrisi. Gli scrittori maschi nelle foto non sorridono.
    Beh, sono impressioni di massima, tutto molto all’ingrosso (e non è detto che si raffinerà :))
    per carac: sto continuando con l’elenco di wuz, un po’ di pazienza e arrivo alla fine.

  13. caracaterina ha detto:

    Considerazioni altre: ho terminato di compulsare il dizionario degli scrittori del ‘900 della fondazione Bianciardi (vedi di là). La percentuale delle presenze femminili è scesa, è meno del 10 %
    Altro dato impressionante: non ho calcolato la percentuale ma la denominazione: poetessa è frequentissima. Romanziere pochissime, anzi : narratrice.
    Invece, guardando sempre a volo d’uccelo, il post di Effe: la percentuale femminile di blogger-pubblicatrici è notevole.
    Comunque sia, sebbene la rete una bella mano l’abbia data: non c’è trippa per le gatte. :)

  14. Pingback: Evvualà! L’elenco del Gorgo è un blog « VAGHE STELLE DELL’ORSA

  15. silvana sonno ha detto:

    Carissima, mi sono appena imbattuta nel tuo elenco e mi accingo a fare una cosa che – forse- non s’ha da fare.
    Mi-ti segnalo, o, meglio, tisegnalo i miei libri:

    Colpo di stecca, ed. Nuove scritture -Mi- 2004
    Il gioco delle nuvole, ed. Graphe.it – Pg – 2007
    Femminile e singolare, ed Il filo – Roma – 2007

    Non è una botta di narcisismo – non credo o almeno non solo – è che mi sto dissolvendo, sono entrata in quell’età (non dico quale) in cui le donne diventano invisibili e restano a dar segno di loro le parole – ricordi la sibilla cumana? – che dicono e quelle – meglio – che scrivono/inscrivono nella loro genealogia.
    Lavoro da anni sulla scrittura di genere e il silenzio intorno è assordante – devi credermi – Comunque mi complimento per l’iniziativa. Un abbraccio. Silva –

  16. Stefania Lusetti ha detto:

    ho appena scoperto questo sito e che appare il mio nome.
    Grazie di cuore e buon proseguimento
    Stefania Lusetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...